helpmac.it

giulio 0 HelpPoints newbie (0) Inserita 21 giorni fa

Dischi avvio esterni suoi nuovi macbook pro (2016-2017). Problemi con OSX precedenti.

Pare (fonte apple, come sempre gentilissimi) che i nuovi macbookpro non riescano più a gestire dischi di avvio esterni con OSX precedenti a Sierra, ad esempio (SL, El Capitan, ecc.). Naturalmente cerco qui qualche eventuale suggerimento: non necessariamente una soluzione tal quale ma anche un modo di riconsiderare il problema. Sarebbe poi certamente interessante sentire un parere di Maurizio sul tema, cioè sul fatto che anche a voler accettare ogni "rivoluzione" che apple propone, finora era stata almeno sempre mantenuta la possibilità di conservare la funzionalità di sistemi precedenti anche su nuovo hardware, accedendovi come disco esterno. Ambienti cui affacciarsi occasionalmente al bisogno. Ho fatto così con leopard, snow leopard, ecc., con installazioni ottimizzate e focalizzate su applicazioni storiche non diversamente accessibili. Ovviamente non si pretende l'impossibile, vale a dire far girare su nuovo hardware sistemi pre era intel. Tuttavia el capitan, non mi sembra così antico e poco diffuso. La versatilità è una caratteristica fondamentale, spesso trascurata.

Risposte 3

Esegui il login o registrati così potrai votare le risposte.
  • appleuser 793 HelpPoints master (793) Inserita 13 giorni fa
    0VOTI

    In effetti questa è una questione che a taluni può risultare spinosa; credo però che non sia in malafede, anzi: con HighSierra siamo passati a APFS, si avrebbe una errata compatibilità anche nel caso in cui altri dischi fossero collegati al computer, quindi la vedo come una necessità e non come una privazione. È vero che una volta che si decide di abbracciare l'aggiornamento, purtroppo si è consapevoli che è un taglio con il passato, che indietro non si torna.

  • giulio 0 HelpPoints newbie (0) Inserita 13 giorni fa modificata 13 giorni fa
    0VOTI

    sarà... ma per i casi della vita mi trovo qui a lavorare in parallelo con un vecchio "bianchino" del 2009, che fa onestamente il suo lavoro, è versatile, stabile e affidabile, oltre ad avere una tastiera meravigliosa e silensiosa; l'altro è un mbp 2016, tamburellante, che ogni tre per due ne ha una che non va, oltre a tante restrizioni. Mi ricordo quando usare un mac voleva dire poter fare qualcosa in più non qualcosa in meno. Senza polemica, ma più per delusione e constatazione: davvero un taglio con il passato... luminoso. Ma naturalmente questa è la mia prospettiva.
    "...si avrebbe una errata compatibilità anche nel caso in cui altri dischi fossero collegati al computer...", ed in effetti stavo qui decidendo se persistere o meno, che cosa fare di questo preziosissimo 2016, ti ringrazio (ma davvero!) perché mi hai aiutato a prendere una decisione.

  • appleuser 793 HelpPoints master (793) Inserita 13 giorni fa modificata 13 giorni fa
    0VOTI

    Capisco cosa intendi, uso un MBPro 15” 2011 quad 2.2 quotidianamente e non intendo pensionarlo per nessun motivo. A casa iMac 2011e 2015. Personalmente per quanto mi piacciano i nuovi, non ne sento la necessità anzi... sono ben felice di non averne la necessità, in quanto posso lasciare tempo al tempo affinché i tempi maturino.

Rispondi

Inserisci solo testo, senza codice HTML. I link vengono automaticamente interpretati dal sistema se presenti http:// o www.. Per le immagini usa un servizio di storage esterno ed incolla il link.

Sei nuovo da queste parti?
Se hai già un account inserisci le credenziali
Registrati per fare domande su HelpMac.it